Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - I costumi di Gioia

I costumi di Gioia
Testi a cura di Rita Graziani ed Anna Guadagno

Gioia, attraverso i secoli, è stato considerato un paese ricco e popolato da uomini industriosi. Uno spaccato sulla vita popolare di Gioia nel secolo XVII ci è offerto dallo storico Febonio secondo quanto riportato dall'Antinori:
 
"...Situata due miglia, al mezzogiorno di Leccio nello stesso giogo di Monte e dal sito più alpestre in cui era prima. Dopo l'incendio degli sbanditi, rifabbricato in sito meno scosceso e in più bella forma; sebbene meno popolazione aveva territorio comodo ma vessato da venti e da grande freddo. Non mancare agli abitanti le cose necessarie senza aver bisogno di soccorsi alieni, Abbondare di pecore e di capre, le quali nel verno menano in Puglia. E quelli che non hanno, costretti dal freddo vanno a faticare nelle campagne altrove talché pochi vi restano nel verno. Essere validi e di bell'aspetto molto dediti alla cura dell'onestà e della famiglia e ad apprendere le modulazioni musicale, quali esercitano poi ad onore di Dio, Essere le donne di bel sangue; ma non portate all'ornamento bensì a lavori di panni di lana con cui si vestono ed esse e gli uomini loro, non già al costume del paese, ma quasi in abito greco più perchè si riparano dal rigore dei ghiacci, che perché compariscano vaghe. Essere la popolazione di 238 fuochi.." (11)
 
Il brano sopra citato si riferisce a Gioia sita presso l'odierna Gioia Vecchia mentre il Di Pietro, nella seconda metà dell'ottocento, rosi deserive Mannforno: "...Il fabbricato di Manaforno, ossia Gioja-nuova è molto decente ma non è bene ordinato, perchè quei proprietari che hanno edificata le novelle abitazioni proprie, potevano meglio disporle. Gli uomini sono industriosi, e perlopiù addetti al commercio col quale provvedono quello che potrebbe mancare alle loro famiglie. Portano nei mesi d'inverno i loro animali pecorini, cavallini e vaccini dei quali abbondano, nelle Puglie dove possiedono vistose 
censuazioni che hanno pure adesso in buona parte affrancate; li riportano nei mesi estivi a pascolare nelle loro alte montagne, ed ottengono cosi il lucro corrispondente. 
 
Le donne poi che rimangono sempre nei propri focolari sono robuste e nella maggior parte addette alla manifattura e tintura dei panni coi quali, al gusto dei Greci, coprono i loro mariti e famiglia. Il popolo in genere, specialmente il basso, è morigerato e religioso in maniera che nella mia gioventù, io ricordo non trovavasi in Manaforno uomo che avesse abusato del vino, o avesse speso il tempo in inutili giochi..." (12) Ambedue gli storici menzionati fanno riferimento ai costumi di Gioia definendoli di foggia greca, privi di ornamenti e tessuti con la lana ricavata dagli armenti posseduti.
 
I costumi cambiano diventando via via più appariscenti e preziosi nella seconda metà del XVIII; cià è noto perchè Re Ferdinando I di Borbone invià, dal 1783 al 1797, nel regno di Napoli alcuni pittori con il compito di disegnare i costumi più significativi per essere riprodotti sulle famose ceramiche (porcellane) di Capodimonte. Tra questi disegni vi sono anche i costumi caratteristici di Gioia, non solo quelli delle classi abbienti ma anche delle più rappresentative categorie artigiane come quella dei lanari, attività principale dell'economia gioiese di fine '800 (13) . La varietà e sfarzosità dei costumi era indice della ricchezza dei gioiesi proprietari di armenti e dediti al commercio. 
 
NOTE

(9) A.L. ANTINORI, Corografia, vol XXXII, mss., in Biblioteca Provinciale dell'Aquila, ff. 52-58 
(10) Campomizzo non viene citato dagli storici Antinori e Di Pietro perchè a quei tempi poteva già essere stato inglobato da uno degli altri castelli più grandi. 
(11) Per avere una posione completa sull'evoluzione demografica dal 1443 al 1981 consultare allegati A-B del testo Breve viaggio... op. cit., pp.23-24. 
(12) A, DI PlETRO, op.cit. pp. 266-267 
(13) Belmaggio nell'opera gia citata Araldica pubblica..., fa una descrizione particolareggiata di alcuni costumi di Gioia relativi al periodo fine settecento inizi ottocento. 

Gioia dei Marsi ieri e oggi
 

 
Sei in: - STORIA - I costumi di Gioia

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright